“Bolle in vigna”, una serata da ricordare, bella gente, tanti giovani, tantissime del gentil sesso, una location di grande fascino “Vigneti Monte Gorna”, uno storico piccolo edificio rurale con annesso uno spettacolare vecchio palmento dove una volta si pigiava uva, un grande piazzale panoramico con basole in pietra dominante un suggestivo panorama che arriva a mare e a Catania, ma specialmente in mezzo ai vigneti, insomma una particolare sede dove si organizzano alcuni eventi dell’azienda.

Vigneti a Monte Gorna, sullo sfondo Catania

Siamo a casa di Cantine Nicosia, la maison di Trecastagni, che ha voluto celebrare i suoi 2 spumanti facendoli degustare ad un folto pubblico di appassionati e addirittura mettendoli a confronto alla cieca con 2 champagne della maison Bergère ad Epernay.

La splendida degustazione presentata dal sommelier Francesco Chittari, nostro corrispondente da Catania esperto di vini e di birre, guidata da Manlio Giustiniani, uno dei massimi esperti italiani di bollicine francesi,  ci ha presentato il Sosta Tre Santi Carricante Doc Sicilia 2017 insieme al Blanc de Blanc Chardonnay Bergère, seconda batteria: Sosta Tre Santi Etna Doc di Nerello Mascalese di fronte al Selection di Bergère da Pinot Noir con aggiunta di una vera chicca il Sosta Tre Santi Sessantamesi Etna Doc.

Unanimemente e a parere di chi scrive, gli spumanti etnei hanno una spinta in più dovuta alla mineralità che assorbono dal terreno lavico, alle forti escursioni termiche trovandoci in vigneti di alta quota e all’abilità dell’enologa Maria Carella, capace di non sfigurare, anzi, al cospetto degli chef de cave francesi. Il Sessantamesi è una piccola selezione prodotta per farla apprezzare nel 2018 in occasione del 120° anniversario della Cantina per cui non è in vendita ma visti i giudizi estremamente favorevoli di chi, come noi, hanno avuto il privilegio di gustarlo, ne è stata vinificata una ulteriore produzione che verrà messa nel mercato tra 2 anni, da prendere nota.

Dopo l’affollata ed apprezzata degustazione si è iniziata la vera festa, il “Sabrage Party” con tanta bella gente che ha potuto gustare, oltre alle varie annate degli spumanti, alcuni dei grandi vini Nicosia come i Contrada Monte Gorna e i Contrada Monte San Nicolò, Etna Doc Bianchi e Rossi, veri crû di montagna. Il Sabrage rappresenta l’arte di sciabolare lo champagne per aprirne le bottiglie. I vini accompagnavano specialità da forno siciliane: pane cunzati, pizze, focacce nonchè cannoli con ottima crema di ricotta di bufala.

Oltre alla musica in sottofondo lo spettacolo era dato dalla stappatura degli spumanti à la volée con esperti colpi di sciabola da parte di componenti della Sabrage Academy, progetto nato dall’idea della giornalista e wine tutor Francesca Negri, presente alla serata.

Concludiamo con il video dell’intervista a Graziano Nicosia, giovane ma ormai esperto amministratore delle Cantine Nicosia

www.cantinenicosia.it