Il Poggio del Conte Ruggero D’Altavilla

Il Poggio del Conte Ruggero D’Altavilla è un suggestivo affaccio urbano, a poco più di 300 metri d’altezza, sospeso nel vuoto per circa 5 metri.

Un affaccio urbano in acciaio e vetro proteso nel vuoto così da offrire una vera e propria esperienza più che un semplice balcone, quello rappresentato dal Poggio del Conte Ruggero, sulla nuova e riqualificata piazza San Pietro di Calascibetta, dove sorge la chiesa omonima e la torre normanna risalente all’undicesimo secolo.

Questo specialissimo, oltre che romantico punto panoramico, offre un’ulteriore attrattiva in quello che fa già parte del circuito del Borghi più Belli d’Italia. La cittadina della provincia di Enna, infatti, ha dato vita a una struttura unica nel suo genere che sin da subito sta facendo da attrattore turistico per chi ha deputato il borgo a meta per una gita fuoriporta del weekend.

LEGGI ANCHE: Un miliardo del PNRR per valorizzare i Borghi più Belli d’Italia

La tipologia di passerella realizzata a Calascibetta richiama il celebre Salto dei Ventimiglia di Geraci Siculo, ma tra i due balconi panoramici ci sono alcune differenze. Se il Salto dei Ventimiglia infatti è delimitato da imponenti pareti in vetro, il Poggio del Conte Ruggero di Calascibetta ha un semplice parapetto, chiaramente nel rispetto di tutte le norme di sicurezza indispensabili a quelle altezze. I visitatori possono godere di un paesaggio quasi senza barriere, così da spaziare con la vista verso un orizzonte da mozzare il fiato, arricchito da bellezze come l’altopiano su cui si sviluppa Enna, con preziosi elementi quali il monte Altesina e l’Etna.

© Riproduzione riservata