Il CSWWC, the Champagne & Sparkling Wine World Championships, il Campionato Mondiale dei Vini  Champagne e Spumanti, è il più importante ed autorevole Concorso mondiale per queste tipologie di vini. Mentre ai concorsi mondiali dei vini generalisti non partecipano le aziende più note e prestigiose (avete mai visto premiati Biondi Santi, Gaja, Frescobaldi, Antinori, Cheval Blanc, Romanée-Conti, Chateau Margaux, Petrus, tanto per dirne alcuni? No perchè avrebbero solo da perdere e nulla da guadagnare), in questo Concorso di bollicine anche i grandi si mettono in gioco.

Quest’anno accanto a nomi prestigiosi quali Mumm, Louis Roederer, Veuve Clicquot, Moët & Chandon, Bellavista, Ca’ del Bosco, Fratelli Berlucchi, Ferrari, una new entry, la cantina G. Milazzo, che per la prima volta ha deciso di mettersi in gioco, e quando il gioco si fa duro emergono i migliori quindi l’azienda di Campobello di Milazzo (Ag) ha ottenuto l’onorevolissimo risultato di vincere 2 medaglie d’Oro e 4 d’Argento, risultando l’unica maison dorata a sud dell’Emilia-Romagna.

Le medaglie d’Oro sono state attribuite al Federico II 2011 Brut Magnum e al Milazzo Nature Brut Nature i 4 argenti a V38AG, Terre della Baronia Gran Cuvée di due millesimi diversi e Federico II 2010. L’Azienda Agricola G.Milazzo è stata tra le prime cantine siciliane a puntare sugli spumanti di qualità, solo Metodo Classico, e oggi ha in listino 8 etichette: 5 Brut, 2 Brut Nature, un Extra Dry.

Così da quest’anno, pur triste per le note vicende sanitarie, G. Milazzo, guidata da Giuseppina Milazzo e dal marito Saverio Lo Leggio, aggiunge altri riconoscimenti al suo ricchissimo palmares internazionale carico di ori e argenti ottenuti nei 4 autorevoli concorsi cui partecipa: Concours Mondial de Bruxelles che quest’anno si è svolto in Repubblica Ceca, al Challenge International du Vin che si tiene a Bordeaux, al Vinitaly che ormai si chiama 5 Star Wines, a Les Citadelles du Vin a Bordeaux. In molti di questi concorsi, oltre ad ottenere premi assoluti di categoria, è risultata la cantina italiana più premiata.

Saverio e Giuseppina Lo Leggio

“Le medaglie CSWWC costituisconoriconoscimenti che ci fanno ovviamente molto piacere – sottolinea Saverio Lo Leggio -nonché una conferma importante per la nostra attività nella spumantistica. La sperimentazione nel campo del Metodo Classico è nata con la cantina stessa, possiamo affermare che fa parte del nostro DNA dato che è iniziata con i primi passi della cantina, a metà degli anni ’70. Ha costituito una scommessa e una sfida: dimostrare che in Sicilia, lì dove nessuno ci aveva mai provato, si potevano fare spumanti Metodo Classico di qualità, considerazione oggi validata dal risultato del Concorso, che dimostra che gli spumanti prodotti in questa terra possono competere con aziende che sono sinonimi stessi di Champagne o Cava o Franciacorta o Trento Doc”.

un giurato

Quest’anno 30 diversi paesi, per un totale di oltre mille etichette, hanno partecipato all’edizione del Champagne & Sparkling Wine World Championships che ha attribuito 128 medaglie d’Oro e 237 medaglie d’argento. Un Concorso blindatissimo che nelle sue procedure di gara non mostra ai giudici la bottiglia, ancorchè segretata, e dove i vini meritevoli di medaglia d’Oro vengono nuovamente degustati fianco a fianco per selezionare i migliori della categoria.

Il 2020 rimarrà nella storia del Concorso in quanto con le iscrizioni italiane raddoppiate, la nostra nazione è risultata prima e ha battuto la Francia pareggiando le 47 medaglie d’Oro ma superando le argento con 111 contro le 42 dei transalpini.

www.milazzovini.com