Come appreso dall’ultimo decreto governativo il lockdown in Italia proseguirà almeno fino al prossimo 3 maggio anche se alcune attività, come il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, di libri e di vestiti per bambini e neonati, hanno riaperto già da oggi con l’inizio della FASE UNO. In queste ore sono però trapelate delle bozze sui prossimi provvedimenti con le altre possibili riaperture anche se occorre sottolineare che non c’è nulla di ufficiale ma si tratta solo di ipotesi.

Con la FASE DUE, prevista per il 4 maggio, dovrebbe tornare la libertà di circolazione anche se sempre con stringenti regole come l’utilizzo obbligatorio delle mascherine e il mantenimento delle distanze di sicurezza. Contestualmente dovrebbero riaprire i negozi di abbigliamento e arredamento ma con ingressi contingentati.

Per quanto riguarda bar e ristoranti l’ipotesi di riapertura sarebbe prevista per il 18 maggio ma con misure di sicurezza da rispettare come il distanziamento di un metro tra un cliente e l’altro. A fine maggio dovrebbero riaprire anche barbieri e parrucchieri ma ricevendo solo per appuntamento un cliente per volta con l’obbligo dell’utilizzo delle mascherine.

Come detto da fonti governative le scuole non riapriranno infatti si parla di un rientro degli alunni a settembre, contestualmente all’inizio della FASE TRE, con turnazioni per ridurre l’assembramento. I cinema e i teatri dovrebbero riaprire invece a dicembre. Ultimi ad aprire dovrebbero essere stadi e discoteche, ma a marzo del 2021, periodo in cui dovrebbero essere riaperti anche i confini nazionali.