La video-intervista di Francesco Parisi Asaro, responsabile del marketing dell’azienda Rocco Parisi Asaro che sta lanciando nel mercato “Colline di Binaia”, marchio dell’olio extravergine d’oliva biologico prodotto nella sua azienda trapanese.

Il ricambio generazionale in agricoltura appare oggi più che mai indispensabile, non solo per il mantenimento di un tessuto socioeconomico di tante aree rurali del territorio a rischio di spopolamento nell’arco di qualche decennio, ma anche per imprimere all’agricoltura quella spinta verso l’innovazione e gli investimenti che sarà sempre più vitale per rispondere alle nuove sfide.

A Partanna nel cuore del Belice, 4 giovani, Federico, Giulio, Lorenzo e Francesco Parisi Asaro, da alcuni anni hanno deciso di prendere le redini della azienda agricola del nonno Rocco Parisi Asaro (classe 1931), per valorizzare il loro territorio e l’agricoltura siciliana.

Un passaggio generazionale inevitabile, per portare avanti quello che il nonno aveva creato. Federico, Giulio, Lorenzo e Francesco, 4 cugini affiatati e con le idee chiare, tre dei quali vivono a Milano ma hanno deciso di occuparsi della commercializzazione dell’olio prodotto dai loro terreni. In questi mesi hanno messo a dimora nuovi ulivi per aumentare la produzione nei prossimi anni, il loro olio è di grande qualità ma soprattutto hanno deciso di puntare sul biologico. 

La loro passione, la loro determinazione, la loro volontà di dare corpo e sostanza al progetto originario del nonno, imprimendo quel tocco d’innovazione tipico delle giovani generazioni, fa ben sperare per le sorti della Sicilia. Giovani che hanno fatto proprio lo spirito della capitale lombarda, improntato alla produttività alla laboriosità e lo hanno mutuato nella conduzione dell’azienda familiare. Dai Navigli alle assolate colline del Belice, il filo conduttore è sempre la voglia di fare, di creare valore aggiunto e assicurare soprattutto continuità alla tradizione familiare.

GUARDA INTERVISTA: