Dopo l’Epifania la dieta disintossicante per depurare il nostro corpo

0
867

Feste trascorse obbligatoriamente e rigidamente a casa nell’era della pandemia, che ci ha negato viaggi, frequentazioni di ristoranti e la convivialità con amici e parenti. Questo non ci ha impedito di dare sfogo ai nostri desideri gastronomici, alla nostra fantasia e creatività culinaria.

Il risultato di queste vacanze sono gli immancabili chili in più, frutto di pranzi e cene abbondanti e continui, con l’esigenza di riprendere la forma fisica all’indomani della Befana, dopo un mese di eccessi alimentari che in Sicilia iniziano con la festività dell’Immacolata.

La dott.ssa Fabiola Ficarra, biologa nutrizionista

Abbiamo chiesto un paio di consigli alla nostra esperta di alimentazione. La dott.ssa Fabiola Ficarra, è una biologa nutrizionista siciliana, specialista in dietetica, nutrizione clinica e sportiva. Svolge attività di educazione alimentare, consulenza nutrizionale, valutazione dello stato nutrizionale e della composizione corporea ed elaborazione di diete personalizzate. Si divide tra Palermo, Agrigento, Caltanissetta e Milano.

Dottoressa è giusta l’indicazione di bere molta acqua?
Assolutamente si!. Una corretta idratazione è fondamentale ai fini digestivi, di trasporto e assorbimento dei nutrienti. Consente all’organismo di depurarsi eliminando tossine e scorie. Inoltre, l’acqua è un alimento prezioso, fonte di minerali, tra cui il calcio importante per la salute delle nostre ossa.

Thè e tisane

Consiglio di assumere anche centrifugati a base di verdure, tisane e tè verde, di moderare il consumo di caffè (da assumere rigorosamente senza zuccheri aggiunti) e di evitare gli alcolici, le bevande gassate e zuccherate, di cui si è abusato nel periodo delle festività.

Andiamo ai cibi sani e al consumo di frutta e verdura. Cosa consigliamo?

Il “buongiorno si vede dal mattino”, innanzitutto una sana colazione, che non sia ad alto indice glicemico. Dunque direi di iniziare la giornata con l’assunzione di due bicchieri di acqua e preparare una bruschetta calda con pane casereccio di grano duro macinato a pietra, a lievitazione naturale, condito con origano e olio extravergine di oliva, fonte di omega9, vitamina e polifenoli.

Spuntini con frutta di stagione da variare quotidianamente, ogni colore è indice di svariati antiossidanti, vitamine e minerali di cui dobbiamo fare il “carico” perchè preziosi per l’organismo.

Sia a pranzo che a cena verdure cotte e crude, prediligendo quelle a foglia verde come cavoli, spinaci e broccoli che oltre ad avere un basso apporto calorico, sono ricche di sostanze nutritive e protettive come: fibra, potassio, magnesio, ferro, folati, vitamine E, C, K. A questi aggiungerei carciofi e finocchi che svolgono un’azione depurativa e diuretica.

Legumi e
cereali integrali

Utili e salutari anche le zuppe di verdure con legumi (lenticchie, ceci, fagioli) e cereali integrali (pasta integrale, riso integrale, farro, orzo), fonte di fibra, vitamine del gruppo B e carboidrati a basso indice glicemico. La fibra assunta mangiando cereali integrali, oltre a favorire il buon funzionamento intestinale, svolge un ruolo fondamentale nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e nella nutrizione dei batteri intestinali, determinando un miglioramento delle difese immunitarie “utili ai tempi del covid-19”. Inoltre l’associazione cereali-legumi mette a disposizione dell’organismo una miscela proteica il cui valore biologico è paragonabile a quello delle proteine animali.

Il Limone ricco di vitamine C

Ricordiamoci che è bene condire verdure, pesce e carne col limone, fonte di Vitamina C che aumenta la biodisponibilità del ferro alimentare. Condire i cibi con olio extravergine di oliva, dalle azioni cardio-metaboliche benefiche, anti-infiammatorie e vaso-protettive, utile per l’assorbimento delle vitamine liposolubili e per la stimolazione della secrezione biliare (funzionalità epatica) e produzione di colecistochinina. Ma attenzione alla quantità, perché molto calorico.

Break con frutta secca (noci, mandorle, pistacchi, nocciole) ad alto contenuto di grassi buoni, arginina e fibra, si consigliano 30g/die.

Proteine? Meglio vegetali (legumi), ma è fondamentale consumare due porzioni settimanali di pesce, preferibilmente azzurro, ricco di omega3, amico dell’apparato cardiovascolare. Uova e carni magre. Limitare il consumo di sale aggiunto, carni grasse e trasformate, dolci e farine bianche raffinate da cui derivano molti prodotti da forno.

Il segreto per eliminare il grasso accumulato nel corpo sta nella corretta idratazione e personalizzazione della quantità del cibo da introdurre. Ma fondamentale è la scelta e la corretta combinazione tra gli alimenti, per evitare picchi glicemici che, oltre a determinare formazione di grasso viscerale, mettono fame e voglia di dolci “effetto sugar addiction”. Individuare orari “ordinati” per consumare i pasti ed evitare di coricarsi subito dopo aver mangiato.

Sicuramente alla dieta è bene abbinare l’attività fisica, che ci aiuta a smaltire le Kcal introdotte in eccesso!.

Se anche voi lettori volete imparare a mangiare sano e tenervi in forma, potete contattare la Dott.ssa Ficarra al +39 320 3219485 oppure su Facebook.