Dal vertice di maggioranza di oggi tra il Governo nazionale, le forze di maggioranza e il CTS è emerso che con molta probabilità si proseguirà con l’assenza della zona gialla su tutto il territorio nazionale fino al prossimo 30 aprile. Una bruttissima notizia soprattutto per il mondo della ristorazione che a questo punto riaprirà i battenti con le aperture al pubblico solo a maggio. Al dire il vero una parte della maggioranza aveva proposto di aprire al pubblico bar e ristoranti in zona arancione fino alle 15 ma a quanto pare la proposta non è andata a buon fine.

La linea dura è stata fortemente chiesta dal CTS che ha ribadito la gravità dei dati e la necessità di confermare le chiusure per evitare una risalita della curva epidemiologica. Ovviamente slitterà a maggio anche la riapertura di cinema, teatri, palestre e piscine. Con queste misure e con l’intensificazione del piano vaccinale Draghi e il suo governo spera non solo di far diminuire i contagi ma di allentare le restrizioni alle soglie della stagione estiva in modo da far ripartire l’economia e con essa il turismo.

Commenta con Facebook