La Sicilia si distingue come una delle regioni italiane leader nella produzione di vino, piazzandosi al secondo posto per estensione dei vigneti e al primo per la superficie vitata coltivata in modo bio.

Questo straordinario risultato è emerso da recenti ricerche condotte dall’osservatorio sulla competitività delle regioni del vino, presentate a Palermo da importanti enti del settore. Il 2023 è stato un anno di sfide per l’industria vinicola, con un calo nelle importazioni su scala globale e cambiamenti nei gusti dei consumatori. Tuttavia, la Sicilia ha dimostrato una notevole resilienza, grazie al successo dei suoi vini bianchi e alla crescente adozione delle pratiche agricole biologiche. Nonostante le difficoltà legate agli eventi climatici estremi e agli attacchi di malattie delle piante, l’industria vinicola siciliana ha saputo adattarsi e mantenere un alto standard qualitativo.

Le esportazioni di vini Dop siciliani hanno registrato un significativo aumento, trainate soprattutto dalle vendite verso Stati Uniti, Canada e Germania per i vini bianchi, e verso Francia e Regno Unito per i vini rossi. È importante sottolineare che, nonostante i dati ufficiali sottostimino l’effettivo volume di vino siciliano esportato, l’interesse internazionale per i vini dell’isola è in costante crescita. Un recente sondaggio condotto su un campione di consumatori italiani ha rivelato un crescente apprezzamento per le etichette siciliane, soprattutto per i vini bianchi. Il Grillo, una varietà autoctona, si è distinto come uno dei vini più popolari e apprezzati.

LEGGI ANCHE: Al concorso del Vinitaly 2023 è siciliano il miglior vino biologico dolce

La Sicilia ha tutte le condizioni per imporre il brand “Isola Bio” per l’intera produzione agroalimentare, che costituirebbe uno strumento formidabile di marketing commerciale. Il bio è ormai parte fondante della cultura alimentare, come marchio naturale di garanzia, di tutela della salute e di rispetto dell’ambiente, una svolta importante sul fronte dell’ecologia e della salute dei consumatori. Tutti nel mondo vogliono mangiare e bere più sano.

LEGGI ANCHE: Dino Taschetta: “Le bollicine Bio siciliane pronte a conquistare i mercati esteri”

In un’epoca in cui la sostenibilità ambientale è sempre più importante, la Sicilia si conferma un punto di riferimento nel settore vinicolo biologico. Con un mix unico di tradizione e innovazione, l’isola continua a stupire e a conquistare il palato di appassionati di vino in tutto il mondo.

© Riproduzione riservata