Il Biancomangiare è un antico dolce siciliano  morbido e profumatissimo che deve  il nome al  candore degli  ingredienti che lo compongono, latte e mandorle. Si tratta di  una pietanza preparata già in epoca medievale. Di antica origine, si diffuse in Italia, principalmente in Sicilia, verso il XII secolo, dove è presente in molti ricettari dell’epoca. Le origini e la semplice e gustosa ricetta.

In origine il biancomangiare non aveva  una ricetta specifica, bensì era  una preparazione medievale basata sulle presunte qualità del colore bianco, simbolo di purezza e ascetismo. Si trattava, dunque, di un cibo destinato alle classi altolocate, ed era caratterizzato  dal colore degli ingredienti, tutti rigorosamante di colore bianco,  che prevalevano nella sua elaborazione, come petto di pollo, latte, mandorle, riso, zucchero, lardo, zenzero bianco, solo per citarne alcuni.

Il Biancomangiare anticamente era salato

Nel “Liber de coquina” (XIV sec.),il primo ricettario in volgare, ad esempio, il biancomangiare risulta preparato con petti di pollo cotti e tagliati a filetti, farina di riso stemperata in latte di capra o di mandorle, il tutto messo a bollire a fuoco lento con zucchero in polvere e lardo bianco sciolto, finche acquisti una certa densità. Lo stesso ricettario propone una variante per la Quaresima, nella quale viene escluso il lardo e parte dominante assumono le mandorle per il loro latte, mentre la carne è sostituita da polpa bianca di pesci e l’aggiunta di porri lessati in acqua. Era, quindi, una ricetta sia  dolce che  salata interpretata variamente anche  a seconda delle diverse aree geografiche, pertanto si può affermare che non esisteva un  biancomangiare, bensì tanti tipi di  biancomangiare.

Il Biancomangiare oggi in Italia

Oggi il Biancomangiare è una preparazione dolce e delicata, tipica di tre regioni italiane: la Valle d’Aosta, Sardegna e Sicilia. In Valle d’Aosta prende il nome di Blanc Manger e si prepara in due versioni, la prima è fatta con latte di mandorle, la seconda più elaborata utilizza latte di mucca. In Sardegna è un dolce chiamato Menjar blanc, in cui la crema di latte è racchiusa tra due sfoglie.

LEGGI ANCHE: Scorzonera e cannella, il gusto di gelato che racconta la Palermo di una volta

Il Biancomangiare in Sicilia

In Sicilia il Biancomangiare è un cremoso  dolce al cucchiaio  preparato  con mandorle tritate, zucchero, amido, buccia di limone, cannella, e messa a raffreddare in forme di terracotta. Riportiamo, di seguito,  la   semplice e gustosa ricetta  giunta ai nostri giorni.

Biancomangiare

Ingredienti

Un litro di latte  (vegetale, mandorla o riso)

  • 250 grammi di zucchero semolato
  • 100 grammi di amido per dolci
  • 1 stecca di cannella
  • Per decorare: cannella in polvere, pistacchi tritati, dadini di zuccata, gocce di cioccolato, mandorle a scaglie

In una ciotola  mettete il latte  e scioglietevi  lo zucchero. In seguito unire  l’amido a freddo mescolando  bene con una frusta in modo da non formare  grumi. A questo punto portate  su fuoco dolce  continuando a mescolare  con un cucchiaio di legno  o a quando il liquido comincia ad addensare (senza portare a ebollizione). Togliete dal fuoco e continuate  a mescolare energicamente con la frusta  per qualche minuto. Versate  il composto in uno stampo umido e fate  raffreddare. Una volta freddo mettetelo in frigo. Quando il biancomangiare sarà ben denso, capovolgetelo  su un piatto da portata  e spolveratelo con la cannella e, a piacere, pistacchi, zuccata, gocce di cioccolato o mandorle a scaglie.

© Riproduzione riservata