Giuseppe Amato, Direttore della MAG

Al capo pasticciere di Heinz Beck, Giuseppe Amato è affidata la direzione della Mag, l’Accademia di alta specializzazione in gelateria e pasticceria di Palermo. L’accademia dispone di un’aula master con 8 postazioni mobili di lavoro realizzate con materiali di ultima generazione e dotate di tutti gli strumenti professionali per garantire il massimo del comfort.

Un’accademia nata con l’intento di formare professionisti in gelateria, pasticceria e cucina, trasmettendo loro esperienze e tradizioni attraverso un percorso di alta specializzazione. Questa è MAG, la Master Academy Antonino Galvagno, fondata nel 2018 in via sperimentale e entrata a pieno regime nel 2019, è intitolata all’ imprenditore palermitano che ha contribuito alla diffusione della tradizione gelatiera e pasticcera siciliana nel mondo, con prodotti innovativi e di alta qualità.

Oggi il ricco bagaglio d’esperienze professionali raccolto dal figlio di Don Nino, Francesco, converge e prende forma nei locali dell’Accademia che ha sede in via Partanna Mondello 25, in un immobile in parte realizzato in un bene confiscato alla criminalità organizzata e affidato a MAG dal Comune di Palermo. Qui è stato creato un piccolo gioiello che coniuga la salvaguardia della tradizione artigianale in pasticceria e gelateria, con l’applicazione delle tecnologie più avanzate, per offrire servizi formativi di altissima qualità.

È proprio grazie a questa visione che la Master Academy Antonino Galvagno ospita periodicamente operatori provenienti da tutto il mondo per imparare o perfezionare la propria arte pasticcera e gelatiera. Un lavoro accurato e professionale che, a partire da quest’anno, ha un nuovo direttore, Giuseppe Amato, solido talento della pasticceria siciliana.

“Essere direttore di questa Accademia è un piacere e un onore – afferma Amato – perché mi consentirà di svolgere e coordinare l’attività che amo di più assieme al mio lavoro di pasticciere: condividere le mie competenze e trasmettere la mia passione per questo mondo. Questo incarico mi terrà in contatto con la mia Sicilia permettendomi di restituirle parte di quello che da
sempre mi dona in termini di forza e ispirazione, cosa che vorrò fare fornendo formazione di qualità agli appassionati e in particolar modo ai giovani, futuri professionisti della cucina e della pasticceria da laboratorio e da ristorazione”.

Commenta con Facebook