Tony e Laura Lo Coco

Domenica 29 novembre la Sicilia è diventata zona gialla per cui ristoranti e bar hanno potuto riaprire anche se solamente fino alle 18. A Palermo c’è stato subito un felice precipitarsi al ristorante, come se le persone non mangiassero da tanto tempo, si è riscoperto il piacere di sedersi in una buona tavola anche se ancora in pochi. Questo ci hanno raccontato i ristoratori intervistati.

Cominciamo da I Pupi, ristorante una stella Michelin, a Bagheria a pochi km dalla capitale, dello chef  Tony Lo Coco e la moglie Laura che riapre solo per i fine settimana da venerdì a domenica con 3 menu degustazione, di pesce, di carne e misto, non si propone la carta perchè rischierebbe uno spreco e perchè la gente tornando ad un ristorante gourmet come i Pupi desidera gustare più piatti, tra quelli storici che lo hanno reso grande assieme ad alcuni recentissimi, frutto dell’estro e della sperimentazione di Tony che da chef che meriterebbe ulteriore promozione non si ferma sugli allori ma dà sfogo alla sua fantasia, però sempre fondata su basi solide che valorizzano i prodotti di pregio siciliani. Negli stessi giorni propone un delivery semplificato con i suoi piatti ricreati a mo’ di sushi, un modo originale di poter gustare a casa propria le specialità di Lo Coco.

Antonello e Alica Amoroso

Amoroso Salotto Culinario, un piccolo ristorante gourmet con nel retro un giardino, da quando è iniziata la zona arancione è chiuso al pubblico e i due bravi chef rimangono in cassa integrazione, si è dedicato solo al delivery, e siccome per il proprietario Antonello Amoroso e la moglie Alice i piatti gourmet non ha senso consegnarli a domicilio, propone in consegna piatti giapponesi e orientali: sushi, sashimi, tartare, tempure, nonchè piatti di pesce arricchiti da spezie. Il sushi già da febbraio 2019 affiancava i piatti gourmet. Oggi quindi il ristorante è chiuso al pubblico e rimane solo il delivery che va molto bene in quanto le specialità orientali sono collaudate e già apprezzate anche perchè si usano prodotti pregiati e di qualità: gamberi, ricci, salmone e tonno. Sempre per distinguere il ristorante gourmet di classe, che rimane chiuso fin quando non si potrà aprire a cena, Amoroso aprirà tra pochi giorni un locale destinato solo alla consegna e asporto con appositi box che si chiamerà CLAmoroso.

Carmelo Montalbano tra Luca e Marco Badalamenti

Badalamenti Cucina e Bottega,  nella frazione marinara di Mondello, ha riaperto a pranzo domenica e gli affezionati clienti che conoscono già la bontà della cucina dello chef Carmelo Montalbano, si ci sono precipitati come per una liberazione, un represso desiderio di riassaporare cose buone. Chiaramente mancano i turisti, comunque Marco e Luca Badalamenti sono abbastanza fiduciosi di riuscire almeno a pareggiare le spese anche perchè riescono a fare delivery delle loro specialità con un menu adattato alle esigenze di un efficiente  asporto servendosi di una nuova app di consegna Fuddapp.com i cui riders consegnano il cibo trasportandolo in speciali box riscaldati oltre che isolati.

Saverio e Vittorio Borgia

Bioesserì e Molo Sant’Erasmo i locali dei fratelli Saverio e Vittorio Borgia, con un Bioesserì anche a Milano dove si può fare solo asporto, finalmente sono aperti a pranzo. Bioesserì in tempi normali è un ristorante pizzeria di successo che comincia al mattino a colazione con prodotti freschi homemade. I suoi clienti sono quindi abituati a sedersi nei suoi divani fin dal mattino per cui da domenica hanno visto il locale discretamente affollato e la sera funzionare con una buona delivery, specialmente di pizze, effettuata oltre che con un food-delivery anche con proprio personale. Molo Sant’Erasmo ha il pregio di essere da pochi mesi aperto a bordo mare, per cui specie se il tempo si mantiene buono è molto richiesto. Entrambi sono locali grandi con molto personale, per cui alla fine si riesce solamente a sopravvivere senza apertura serale e senza turisti.

Andrea Graziano

Fud Bottega Sicula la panineria di classe e prodotti di eccellenza creata da Andrea Graziano a Catania, Palermo e Milano, in Sicilia ha riaperto con meraviglia di Andrea che non si aspettava tanti avventori, segnale che la gente ha desiderio di cose buone, di sedersi ad un buon tavolo anche se solo per assaporare panini, ma di eccellenza, e non si può stare in più di 4 se non si è familiari conviventi. Funziona anche la consegna o asporto anche con proprio personale. Invece a Milano Fud rimane chiuso, la situazione sanitaria non è la rassicurante inoltre mancano gli studenti e i fuori sede che costituivano il core business assieme ai turisti.

Helios Gnoffo

Helios Gnoffo chef patron di Osteria Mercede ha aperto a pranzo tutti i giorni e finora ha potuto notare la buona affluenza e la contentezza dei suoi clienti che hanno potuto riassaporare la sua cucina esclusivamente di pesce. Sono aperti fino alle 17 e fino a quell’ora si può ordinare la consegna. Già dopo le 12 cominciano ad arrivare avventori e il pranzo si può prolungare con tranquillità visto che non c’è la necessità di riattrezzarsi per la cena, diventa una specie di happening tra crudità di mare e pesce appena pescato cotto in maniera da mantenerne il gusto e le consistenze.