Uno scorcio della Spiaggia dei Francesi a Mongerbino (Bagheria)

Uno dei mari più belli in Italia è quello della Sicilia, che rappresenta una delle più gettonate mete dell’estate. Ecco la nostra classifica delle 10 spiagge meno note ma sicuramente tra le più belle della Sicilia in cui potrete trascorrere le calde giornate di luglio e agosto in tranquillità.

1. La spiaggia dei Francesi è una delle spiagge più suggestive della costa palermitana, situata nel golfo di Mongerbino, territorio di Bagheria. Si tratta di una piccola insenatura incastonata tra le rocce di Capo Zafferano e la frazione marinara di Aspra, che prende il suo nome, probabilmente, dal fatto che negli anni ’50 fu meta di molti turisti transalpini. Il sito è caratterizzato dalla vegetazione mediterranea e da acqua cristallina. Meta ineguagliabile per la bellezza incontaminata, un paradiso del mediterraneo da preservare e tutelare.

2. La scogliera del Bue marino di Favignana, è una discesa a mare in mezzo alle vecchie cave di tufo, l’acqua di fronte è blu scura con bellissime chiazze azzurre. Un piano di materiale composito realizzato dall’uomo permette l’accesso al mare come dal bordo di una piscina. L’acqua è qui subito fonda, non si tocca, c’è spesso corrente, l’ombra è poca, ma garantita da alcuni ingrottamenti delle cave, il contrasto e la vicinanza tra cave e mare cristallino fa di questo posto uno dei più apprezzati dell’isola.

3. La spiaggia di Calamosche si trova tra i resti archeologici di Eloro e l’oasi faunistica di Vendicari (Noto). Il fascino della spiaggia è dovuto alla varietà della vegetazione e alla presenza di un panorama altrettanto vario: la piccola spiaggia si trova infatti tra due promontori rocciosi che, oltre a far sì che il mare sia quasi sempre calmo, offrono al visitatore una bellezza inaspettata. Un’altra caratteristica della spiaggia è la presenza di numerosi anfratti, cavità e grotticelle nei due promontori.

4. La spiaggia del “Porto Ulisse” nei pressi di Ispica. Nota per il superbo panorama sui suoi suggestivi faraglioni e luogo leggendario in cui approdò l’eroe omerico durante il suo errare per il Mar Mediterraneo. Il mare, limpido e cristallino, offre acque calme e ferme grazie alla presenza di una piccola insenatura. Costituita da un’insenatura sabbiosa, è delimitata dal promontorio roccioso di Punta Castellazzo, dove anticamente fu costruita una grande fortezza a difesa dell’entroterra e del porto

5. Lungo la costa sudorientale della Sicilia, tra Punta delle Formiche e l’Isola delle Correnti, si estende la lunga spiaggia di Carratois. La spiaggia è bagnata da un mare limpido e cristallino dai fondali bassi. Nel suo tratto finale diventa Punta Rio, una sorta di piscina naturale con fondale molto basso, ideale anche per i più piccoli.

6. La spiaggia di baia Arcile ad Augusta è formata da ciottoli più o meno grossi che, verso il limite ovest dell’insenatura, cedono gradualmente il posto a grosse formazioni rocciose. Una di queste rocce è completamente circondata dal mare, si trova a poche decine di metri di distanza dalla riva ed è chiamata “scoglio della tartaruga” a causa del suo profilo che ricorda appunto quello dell’omonimo animale marino.

7. La Spiaggia Isola delle Correnti di Portopalo di Capo Passero, situata nell’estrema punta sud della Sicilia, è facilmente raggiungibile da Porto Palo seguendo le indicazioni per Isola delle Correnti. La spiaggia prende il nome dall’isolotto che le è collegato tramite una sottile striscia di terra, solitamente allagata.

8. Cala Praia dei Nacchi è situata nell’area sud est dell’isola di Marettimo, arrivarci è molto semplice. Potrete raggiungerla con una passeggiata di 20 minuti circa, prendendo il sentiero che porta al cimitero. È una bellissima spiaggia formata da sassi, con alcuni punti sabbiosi all’interno di una suggestiva insenatura. Si tratta di un luogo molto tranquillo, mai affollato, ideale per chi ama il silenzio e la natura

9. Cala dell’uzza, nella riserva dello Zingaro, prende il nome dall’omonima grotta preistorica dell’Uzzo che si trova a pochi minuti dalla costa. La caletta si trova a circa 2 km dall’ingresso Nord, lato San Vito Lo Capo.
Un sentiero costiero tortuoso che all’improvviso ti catapulta davanti al panorama mozzafiato con i suoi colori unici e splendidi. Una baia piccolina con ghiaia bianca e il mare verde smeraldo.

10. La Baia di Punta Bianca è un bellissimo e selvaggio sperone roccioso che si protende a mare, contornato da piccole calette con spiagge di sabbia dorata (alcune anche ciottolose), separate l’una dall’altra da piccoli promontori ed affacciate su un bellissimo mare cristallino. Particolarmente suggestiva è la caletta a ridosso del castello di Palma, in zona Capreria. Tutta questa parte di litorale che va da Punta Grande, nel comune di Porto Empedocle, a Punta Bianca, presenta una grande valenza archeologica e naturalistica, con la presenza di palme nane, salvie mentastri e lentischie.