È tempo di grandi notizie per il mondo della ristorazione siciliana infatti, dopo il cambio sede di un noto ristorante stellato, a Noto la cucina del rinomato ristorante “Anche gli Angeli” si combinerà con il creativo e innovativo estro culinario dello chef Salvatore Vicari.

Noto, culla del barocco in provincia di Siracusa, è stata celebrata l’unione umana, prima che professionale, tra i proprietari dello storico ristorante Anche gli Angeli, Giovanni e Ada Ferrero, con lo chef dell’omonimo ristorante Salvatore Vicari insieme a colei che ha guidato la sala, la moglie Carmen Andolina.

Dalla prossima riapertura, a metà marzo, la cucina e la sala di Anche gli Angeli saranno firmate da Salvatore Vicari e da Carmen Andolina, insieme alle rispettive brigate. Di due realtà iconiche a Noto e nel sudest siciliano, ce ne sarà una sola, per consolidare prima di tutto un rapporto personale e umano di amicizia anche familiare che dura da decenni, e per siglare un rapporto professionale di considerevole impatto nella proposta, nell’offerta e nell’accoglienza.

Anche gli Angeli da sempre è stato considerato e vissuto come un punto di arrivo, un luogo di incontro, un locale affascinante e unico che oggi diventa anche una ludoteca del gusto, con l’ingresso dello chef Vicari, custode di una cucina che preserva ed esprime l’immenso patrimonio di arte, cultura e tradizioni siciliane, guardando sempre ben oltre la soglia.

Si tratta infatti, di uno dei locali più apprezzati di Noto, per la bellezza dell’architettura interna, per l’ambiente e la cucina. Ricavato dai bassi della Chiesa di San Carlo, sotto ampie volte in pietra che un tempo ospitavano una tipografia, il sicilian concept-store, lounge bar e restaurant Anche gli Angeli costituisce una tappa obbligata durante una visita nella capitale europea del Barocco.

LEGGI ANCHE: I Crociferi a Noto, un tapas bar e ristorante in una cornice barocca esclusiva

“Abbiamo deciso – hanno spiegato Giovanni e Ada Ferrero, Salvatore Vicari e Carmen Andolina – di unire, fondere, consolidare i rispettivi brand, per farne uno inamovibile, iconico, in grado di valorizzare la storia di ciascuno per scriverne una nuova, considerate le competenze che abbiamo nei settori dell’accoglienza e della ristorazione. Questo passo è stato reso possibile dal valore umano e dal rapporto personale che esistono tra le nostre famiglie da tantissimo tempo. La stima professionale, la fiducia, la riconoscibilità del lavoro che ognuno di noi ha compiuto nei rispettivi ambiti professionali, e soprattutto l’affetto che ci lega hanno consentito di compiere un passaggio a dir poco storico, ma decisamente proiettato nel futuro imminente che ci attende”.

“In questi mesi – ha anticipato lo chef Vicari – stiamo disegnando la nuova sala e stiamo lavorando ai piatti che saranno inseriti in menu e nei percorsi degustazione. Alcuni piatti storici ancorati al mio nome saranno riproposti in una versione nuova, tanti altri saranno decisamente inediti, prendendo spunto dal luogo dove nascono, dalla bellezza che ci circonda, dalla luce che emanano le pietre dei monumenti barocchi, dalla lontana brezza del mare che comunque respiriamo, dalla poliedricità che Noto custodisce e dall’armonia che proviamo sempre a preservare con l’obiettivo di far stare bene i nostri ospiti. Nel frattempo che all’interno si stanno ultimando lavori strutturali in vista della riapertura, noi continuiamo a sperimentare, a focalizzare le tante proposte che ci saranno affinché Anche gli Angeli mantenga la sua identità, a cui si aggiungono una sala e una cucina che hanno la loro riconoscibilità”.

© Riproduzione riservata