I processi produttivi del miele, del polline, della cera, della pappa reale e della propoli non saranno più un segreto. Domenica 19 maggio in tutta Italia si svolgerà “Mielerie Aperte”. Anche gli apicoltori siciliani partecipano al progetto di Unaapi per la promozione dei mieli e dei prodotti dell’alveare.Scopriamo, di seguito, dove andare in Sicilia.

In questa giornata, molti luoghi dell’Isola dove si estrae e si confeziona il miele e gli altri prodotti dell’alveare, apriranno le porte a consumatori curiosi e visitatori. Ciascuna azienda apistica che ha aderito alla rete delle “Mielerie aperte” di UNAAPI – Unione Nazionale di Associazioni di Apicoltori Italiani, in base ai propri spazi e possibilità, ha predisposto una serie di attività: visite guidate in apiario, degustazione di mieli, spiegazioni e dimostrazioni sulla lavorazione dei prodotti delle api.

La giornata di Mielerie Aperte si svolge in contemporanea in tutta la penisola e costituisce una rara occasione per ascoltare dalla voce degli apicoltori il racconto delle origini dei mieli, dei loro sapori e dei prodotti dell’alveare. Ma sarà anche l’occasione per molti di scoprire gli strumenti e gli spazi nei quali apicoltori e api danno vita a veri e propri tesori. Con questa manifestazione, ideata da Unaapi e a cui aderiscono venti aziende associate all’Associazione Regionale Apicoltori Siciliani (Aras), si intende avvicinare il mondo del consumo ad una realtà produttiva ancora poco nota ai più, sia fisicamente che attraverso iniziative di comunicazione e promozione a livello nazionale.

LEGGI ANCHE: Ocm miele, la Sicilia rinuncia a 800 mila euro di fondi

Obiettivo comune e condiviso da tutte le mielerie siciliane, così come da quelle delle altre regioni italiane, è la voglia di aprire le porte ai consumatori per raccontare da vicino le sfide quotidiane delle api e dei loro allevatori per preservare la qualità e la magia degli alveari e dei loro prodotti, amati dall’umanità di tutto il mondo fin dalle epoche più antiche.

“Apriamo i nostri laboratori per far conoscere il nostro lavoro che dipende in tutto e per tutto dalle api e dal loro stato di salute. Noi apicoltori stiamo dedicando con piacere molto tempo in attività destinate ai consumatori per far conoscere i prodotti dell’alverare, il mondo delle api e l’importanza che rivestono sia come impollinatori che come indicatori biologici dello stato di salute del pianeta. Proprio ieri insieme a un giovane biologo-apicoltore ho guidato una comitiva alla scoperta della flora mellifera. È stato un successo inaspettato”, spiega Giovanni Caronia, maestro apicoltore e vicepresidente di Aras – Associazione regionale apicoltori siciliani.

Queste le mielerie siciliane che hanno aderito al progetto Unaapi:

Come partecipare

Per partecipare alle attività di ciascuna mieleria è richiesta la prenotazione. La partecipazione delle associate Aras è stata preceduta da un’attività di formazione ad hoc che rientra tra quelle previste dall’azione F1 del bando finalizzato al miglioramento della produzione e commercializzazione del miele – campagna apistica 2023/24 cofinanziato dalla Ue (Reg.n. 2021/2115).
La rete di Mielerie Aperte è online sul sito mielerieaperte.it, dove è possibile trovare la mappa e i riferimenti alle aziende aderenti (leggi qui). Chi fosse interessato può accedere ad indirizzi, sito web o canali social della mieleria che desidera raggiungere e verificare con la mieleria stessa programmi e attività previste per la manifestazione.

© Riproduzione riservata