Il Cannolo della Pasticceria Di Noto

La piccola comunità di Piana degli Albanesi a causa del Covid perde uno dei grandi maestri del cannolo siciliano. Il pasticcere Gaetano Di Noto, purtroppo è morto in un ospedale locale dopo aver lottato contro il covid che lo aveva contagiato da qualche settimana.

La Pasticceria Di Noto nasce dalle capacità imprenditoriali del maestro pasticciere Gaetano Di Noto che nel lontano 1981, decise di mettersi in proprio, dopo aver fatto esperienza in un bar del territorio molto rinomato. Nel corso degli anni, l’azienda si è trasformata in una conduzione familiare con in laboratorio Gaetano affiancato dal figlio Davide e al banco moglie Maria Rita con i figli Ennio e Tecla.

Tecla, Davide, Maria Rita e Gaetano – Cucinartusi.it

La svolta sull’offerta è però iniziata nel 1995, quando Davide, all’epoca ancora sedicenne, cominciò ad introdurre in laboratorio un nuovo modo di vedere le cose. Il nostro giovanissimo pasticcere che preparava torte già a 11 anni, non si fermò agli insegnamenti tradizionali del padre, bensì, frequentando corsi e visitando manifestazioni, capì che bisognava fare qualcosa in più per offrire un prodotto diverso.

La transizione durò all’incirca fino al 2000-2002, anni in cui si può ritenere nata la nuova Pasticceria Di Noto in cui alberga il burro, in cui sono scomparsi i mix per i panettoni e altri semilavorati, fino ad arrivare all’offerta odierna che vede, accanto ai dolci siciliani tradizionali come la cassata, il tipico cannolo di Piana e le torte classiche, anche le torte moderne a base di mousse, le uova di cioccolato e la pralineria.

LEGGI ANCHE: La Pasticceria Di Noto a Piana degli Albanesi, tra panettoni, cannoli e ravioli

“Oggi Piana perde un nonno, un padre, ma soprattutto un grande lavoratore, professionista appassionato della grande tradizione pasticciera locale, Gaetano Di Noto. – dichiara il Sindaco di Piana degli Albanesi, Rosario Petta – Una persona garbata gentile e dedito alla famiglia ed al lavoro.Una vita dedicata al lavoro a contatto con tutti i clienti cui regalava sempre un sorriso ed un leale confronto su tutti i temi della nostra comunità. A nome della Comunità di Piana degli Albanesi, sentite condoglianze alla Famiglia. Questo stramaledetto virus ha portato via l’ennesima giovane vittima nel nostro comune.Che possa il signore accoglierti tra le sue braccia, riposa in pace Tanì.”

© Riproduzione riservata