Dal 3 giugno i turisti che verranno in vacanza in Sicilia potranno scaricare sul proprio smartphone una app, denominata “SiciliaSiCura”, per tutelare l’isola, ad oggi con un numero esiguo di contagi, da nuove ondate del virus che sarebbero deleterie per la nostra già instabile economia. I turisti potranno inserire nell’app i propri dati, lo stato di salute, gli spostamenti ed eventuali casi di covid in famiglia. Inoltre se durante il soggiorno i turisti avranno la febbre dovranno comunicarlo attraverso l’app per essere successivamente ricontattati dai medici dell’Asp.

Anche per i minorenni è previsto l’utilizzo dell’app con i genitori che dovranno inserire i dati dei figli. Il Presidente della Regione Nello Musumeci voleva rendere, attraverso un’ordinanza, obbligatorio l’utilizzo dell’applicazione, prevedendo sanzioni per chi non l’avesse scaricata, però alla fine si è scelta la linea più morbida rendendo l’utilizzo dell’app facoltativa. In questo modo si eviterà la guerra tra regioni e le polemiche che erano scaturite dalla richiesta di Musumeci della patente di immunità per i turisti che aveva fatto infuriare i governatori e i sindaci del nord Italia.

Oltre all’app “SiciliaSiCura” la Regione ha previsto altre misure di prevenzione in vista dell’arrivo dei turisti sia italiani che stranieri. Infatti negli aeroporti, nei porti e nelle stazioni ferroviarie ci sarà il controllo della temperatura di tutti i passeggeri. Controllo della temperatura che anche gli albergatori dovranno effettuare giornalmente ai loro clienti.

L’app SiciliaSiCura già scaricabile su gli Store Apple e Android