Il premier Giuseppe Conte ha convocato alle 17.00 una riunione con i capi delegazione della maggioranza in vista dell’aumento dei contagi e della volontà di proporre un nuovo Dpcm per il contrasto al Covid. All’incontro prenderanno parte il ministro Francesco Boccia e il ministro alla Sanità Roberto Speranza.

Il nuovo Dpcm che il governo dovrebbe varare entro il 15 gennaio potrebbe avere al suo interno un nuovo parametro per portare le regioni nelle aree a maggiori restrizioni oltre all’indice di contagio Rt superiore a 1 per la zona arancione e a 1,25 per la zona rossa: quello dell’incidenza dei casi ogni centomila abitanti. E questo parametro, secondo le ultime informazioni, dovrebbe portare automaticamente le regioni in zona rossa.

Per far precipitare la Sicilia in zona rossa si dovrebbero contabilizzare nell’arco di una settimana 12.500 nuovi contagi con una media di 1700 nuovi contagi giornalieri e purtroppo il traguardo poco onorevole è prossimo. La temuta ondata legata alle festività natalizie, purtroppo si sta rivelando nei numeri e nella statistica, dietro alla quale si celano comportamenti irresponsabili tenuti dai siciliani, nonostante i divieti e le restrizioni e le raccomandazioni. Circa 7 contagi su 10 sono conseguenze dirette dei cenoni di Natale e di Capodanno, quando nel clima conviviale familiare si sono abbassati i livelli di attenzione e di tutela.

Nonostante la campagna di vaccinazione sia iniziata, l’ondata dei contagi d’inizio anno, sta mettendo i siciliani davanti alla triste realtà nella quale ci aspettano mesi difficile. Purtroppo si dovrà ancora convivere con la pandemia adottando tutti gli accorgimenti utili e necessari.