Giuseppina Milazzo e Saverio Lo Leggio con gli spumanti G.Milazzo

Una cantina siciliana trionfa al “Champagne & Sparkling Wine World Championships” (CSWWC), il più importante concorso internazionale di spumanti.

Quasi non fa più notizia l’azienda G.Milazzo di Campobello di Licata per essere la prima o tra le primissime cantine nei più importanti concorsi internazionali al mondo cui partecipa.

Questa volta deve accontentarsi, si fa per dire, ad essere la seconda in Italia, con 5 medaglie oro e 12 argento, dietro Ferrari che addirittura è risultata la prima assoluta con 12 oro. Quest’anno il CSWWC ha assegnato ai 1.000 campioni presentati 139 medaglie d’oro e 268 d’argento a vini di 19 paesi. L’altra notizia, magari la più importante, è che l’Italia ha battuto la Francia: 58 oro e 128 argento contro 52 e 50.

Il concorso è giunto alla sua settima edizione e continua a crescere in numero e statura. È la più grande e dura competizione di spumanti al mondo. Inoltre, ecco il link dei risultati CSWWC con tutti i vincitori 2021 delle medaglie d’oro e d’argento.

LEGGI ANCHE: Al CSWWC 2020 pioggia di medaglie agli spumanti di G. Milazzo

Ora torniamo alla Cantina G.Milazzo, ecco l’elenco degli spumanti premiati con la medaglia d’Oro:

Federico II 2015 Brut

Milazzo Nature Brut

Terre della Baronia Gran Cuvée Brut

Federico II 2011 Brut

Federico II 2010 Brut

Seguono 11 medaglie d’argento che fanno sì che la cantina siciliana sia per numero complessivo di medaglie la seconda in assoluto di tutto il concorso dietro Ferrari con 12 più 8.

LEGGI ANCHE: G.Milazzo è la cantina più premiata al concorso del Vinitaly per i vini biologici

L’azienda G. Milazzo dei coniugi Giuseppina Milazzo e Saverio Lo Leggio cominciò a fare spumanti nel 1974 e da allora è stato sempre un crescendo di successi e di apprezzamenti. Purtroppo i suoi vini non li trovate nelle guide di settore in quanto per scelta la proprietà non ha mai mandato i campioni alle redazioni.

“Un successo che ci rende tanto felici – dichiara Giuseppina Lo Leggio – In quanto ancora una volta i nostri vini, questa volta gli spumanti, dimostrano di poter competere alla pari con i più blasonati spumanti e addirittura champagne.”

“Altro motivo di orgoglio – aggiunge Saverio Lo Leggio – è avere dimostrato che la Sicilia anche negli spumanti è capace di raggiungere vette che altri non pensavano essere alla nostra portata. Un motivo in più per spronarci a lavorare sempre meglio, continuando a rispettare il nostro fantastico territorio che da anni coltiviamo in biologico e con vari sistemi di sostenibilità ambientale”.