Prowein annullato, Vinitaly annullato, Concours Mondial de Bruxelles rinviato da maggio a giugno, si terrà dal 26 al 28 a Brno nella Repubblica Ceca e tranne che si verifichi una vera catastrofe dovuta al Covid-19 si farà inquanto Vinopres, l’azienda proprietaria del Concorso che lo organizza da 26 anni, ha già preso accordi con le autorità ceche perchè nel peggiore dei modi si terrà nei primi di settembre.

I produttori italiani che hanno già aderito ed hanno inviato i vini devono stare tranquilli, non devono temere per una cattiva conservazione dei loro preziosi e delicati campioni. L’organizzazione già dal 2010 si serve come punto di raccolta per l’Italia della Merci Service, un’azienda siciliana specializzata che si trova a Carini a pochi km da Palermo, che terrà i vini in cella frigorifera fino al loro trasporto finale in terra moldava.

Un’ulteriore conferma della serietà ed affidabilità del Concours che in tutta la filiera, dall’invio dei campioni, allo stoccaggio, al giudizio delle giurie, alle verifiche delle caratteristiche dei vini vincitori, all’esame dell’attendibilità dei giurati, adotta procedure uniche garantendo l’uniformità e la severità dei giudizi.

Visto il rinvio a giugno i produttori e i confezionatori che ancora non avevano aderito hanno tempo per registrarsi online fino al 30 aprile per partecipare e inviare i campioni alla Merci Service con la garanzia che qualora il CMB fosse rinviato a settembre i loro vini sarebbero conservati come nella loro cantina.

il gruppo dei giudici italiani

I punti forti del Concorso si possono così riassumere:

  • ultra venticinquennale esperienza,
  • team collaudato di specialisti che opera dall’arrivo dei campioni fino alla comunicazione dei risultati e nell’organizzazione di eventi divulgativi,
  • oltre 300 giurati qualificati provenienti da tutto il mondo che degustano nelle migliori condizioni soltanto 50 campioni al giorno. Il CMB è l’unico concorso al mondo che con la collaborazione dell’Università Cattolica di Lovanio ha sviluppato fin dal 2004 una procedura di valutazione dei degustatori volta a definire la precisione, la coerenza e la ripetibilità del loro giudizio sui campioni, quindi anche i giurati sono valutati ed eventualmente non confermati,
  • anonimato assoluto dei campioni,
  • verifica rispetto al dichiarato delle caratteristiche fisiche dei vini vincitori con eventuale scarto degli stessi,
  • concorso itinerante quindi con migliori condizioni di visibilità,
  • copertura mondiale, comunicazione mirata, diffusione dei risultati,
  • promozione del Concorso anche con la partecipazione ad esposizioni quali Vinexpo, Prowein, Vinitaly, Guiyang e Beijing in Cina,
  • promozione dei vini vincitori in eventi, degustazioni, masterclass in giro per il mondo.

Chi scrive ha l’onore di partecipare come giurato da 6 anni potendo testimoniare l’efficienza e la serietà del Concorso.

Le giurie dello scorso anno

La partecipazione inoltre costituisce per il produttore un efficace strumento di miglioramento e di confronto in quanto le schede di giudizio del proprio vino sono portate a sua conoscenza quindi l’azienda può interpretare i motivi per cui una giuria internazionale ha trovato il vino carente in alcuni parametri di valutazione e quindi agire in futuro di conseguenza.

Le giurie sono formate da enologi, esperti, giornalisti, sommelier, produttori, buyer e attribuiranno i punteggi secondo le schede dell’OIV, l’Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino che ne controlla il totale svolgimento.

https://concoursmondial.com/it/iscrizioni