Salvatore Gambuzza, chef del ristorante "La Scogliera".

Una cucina elegante, semplice e giovane. Lo Chef Salvatore Gambuzza nel suo ristorante “La Scogliera – Osteria del mare”, ristorante storico di Siculiana Marina, graziosa località balneare in provincia di Agrigento, presente nella guida Michelin da diversi anni, ci ha stupiti.

Il locale che lo Chef Gambuzza gestisce da 1 anno, è in riva al mare, con veranda che ti permette di pranzare o cenare ammirando il mare, gustando un menù principalmente di pesce ma anche di carne.

Le esperienze dello chef sono state in varie regioni d’Italia e all’estero; infatti all’età di 40 anni è volato ad Oxford da Raymond Blanc, nel ristorante due stelle Michelin “Le Manoir aux Quat’ Saisons” per apprendere tecniche e segreti e nel 2001 ha fatto ritorno in patria come Executive-Chef al ristorante dell’Hotel Villa Athena, situato all’interno del sito archeologico della Valle dei Templi di Agrigento.

Nella sua cucina vengono utilizzati prodotti a km 0 che sapientemente sono elaborati in piatti che raccontano la tipica cucina siciliana in chiave gourmet ma che mantiene inalterati i sapori del territorio. Una cucina da ingredienti poveri, piatti ben curati ma soprattutto la continua voglia di azzardare con grande consapevolezza, riuscendo a stupire i commensali.

Lo Chef Gambuzza cerca sempre l’equilibrio nei suoi piatti, all’assaggio si avvertono i contrasti creativi e piacevoli che vengono fuori dai ricordi di infanzia e dai numerosi viaggi dove ha avuto modo di collaborare con i grandi maestri della cucina internazionale.

Gnocco di Calamaro al lemongrass
Photo: Marcello Malta

In occasione di Sicilia in Bolle, lo chef ha creato un menu che esaltasse la sua cucina, pensando ad un crescendo di sapori nei piatti proposti. Interessanti i piatti come l’antipasto composto da baccalà (di ottima qualità e non molto salato) che viene contrastato da una maionese di agrumi con un tondo di cipolla e timo; altro piatto che merita una menzione è lo gnocco di calamaro con una crema al lemongrasse e infine il dolce che rappresenta il gioco di contrasti che caratterizza la cucina dello chef ovvero un gelato al rosmarino con un trasparente di melone invernale di Alcamo con un croccante.

Come potrete notare una cucina innovativa, tradizionale e semplice che esalta con i suoi sapori decisi la nostra Sicilia. Per quanto ci riguarda assolutamente merita una visita.