Martedì 19 la diretta alle ore 19.00 su Facebook o sul nostro sito.

Ai nostri 4 lettori, di manzoniana memoria, proviamo a porre una domanda: Secondo voi esiste una regione in Italia o addirittura nel mondo capace di offrire questa infinità di buonissimi dolci? Secondo noi no, e la nostra affermazione (o dovremmo dire negazione, boh?) si basa sul fatto che solo in Sicilia si creano tanti pasticcini alla crema di ricotta che è una specialità tipicamente isolana, magari concedendo che per gli altri dolci possano esistere territori con un numero uguale di proposte.

I dolci costituiscono una specialità siciliana che deriva da una tradizione che affonda le sue radici lontano nel tempo, dalle molteplici dominazioni straniere, specie araba, che hanno introdotto tante preparazioni dolci e che i nostri maestri pasticceri hanno saputo con maestria innovare con una dotta professionalità. E sinceramente ci addolora che nelle guide di settore si magnificano i maestri pasticceri nordici, trascurando i nostri. Sarà ignoranza o non approfondimento o addirittura conflitto di interessi in quanto, guarda caso, le guide sono edite da Roma in su.

Ma noi non ce ne curiamo, guardiamo e passiamo, faremo la 5° diretta The Cook, un marchio, una sigla che ormai si identifica col nostro giornale allfoodsicily.it, su “La pasticceria siciliana dalla tradizione all’innovazione” e ne parleremo con degli autentici campioni, dei maestri che tutta la pasticceria mondiale ci invidia: Corrado Assenza, Caffè Sicilia a Noto (Sr); Salvatore Cappello, pasticceria a Palermo, Santi Palazzolo a Cinisi e Bologna, Carmelo Sciampagna a Palermo e Marineo, last but not least Lidia Calà, Dolce Incontro a Tortorici (Me).

Corrado Assenza è universalmente considerato padre nobile della moderna pasticceria siciliana, uno studioso e sperimentatore, un profondo conoscitore e selezionatore delle migliori materie prime, un capofila della creatività meridionale, la sua cultura non la manifesta solo nella pasticceria, se si stancasse dell’attività che lo ha reso famoso nel mondo potrebbe fare la guida turistica di Noto, nessuno come lui conosce storia, vita e monumenti della sua città, se ci riuscite fatevene narrare un pezzo, magari mentre gustate una sua creazione.

Salvatore Cappello, la sua pasticceria, che da qualche anno ha un secondo punto vendita nel salotto buono di Palermo, è una delle più note e frequentate da palermitani e turisti; un pasticcere che si vanta di avere introdotto il vero cioccolato a Palermo, colui che per primo ha portato la torta Sette Veli in Sicilia. Ormai da parecchi anni lo affianca il figlio Giovanni che l’arte imparata dal padre la insegna ai giovani nella sua Cappello Pastry Academy.

Santi Palazzolo ha iniziato umilmente a Cinisi, piccolo paese ad ovest di Palermo, ha capito che per la sua bravura, la sua arte, la sua attenzione alla reinterpretazione delle tradizioni dolciarie della sua terra, non poteva limitarsi a farle godere ai pochi suoi concittadini, così diventa imprenditore aprendo shop all’aeroporto di Palermo, un laboratorio a Fico Eatalyworld a Bologna, un bistrot a Rouen, nominato nel 2018 “Pasticciere dell’anno” dall’Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani (Ampi).

Carmelo Sciampagna, classe 1978, fa una lunga gavetta in giro per il mondo, poi dal 2007 inizia una lunga serie di prestigiose vittorie nei più importanti concorsi specie per il cioccolato, ma non si è montato la testa e per 3 anni ha lavorato per un certo Iginio Massari, finchè a Marineo nel 2011 apre finalmente il suo locale, raddoppiandolo da qualche anno a Palermo dove subito è diventato un beniamino delle cose dolci.

Lidia Calà esercita la sua arte in uno sperduto paese di montagna nei Nebrodi: Tortorici. Un bar pasticceria tradizionale, la particolarità di Lidia è l’attaccamento al suo territorio dove si coltivano ottime nocciole e da una foto di suoi dolci di nocciole lo scrivente intuì la sua bravura, confermata tanto che quell’anno, il 2014, vinse il premio Best in Sicily come miglior pasticceria. Non dormendo sugli allori, pur tenendo conto del suo areale di clientela, Lidia si è sempre spesa nella sperimentazione, nella creazione di nuove torte e pasticcini e nella promozione del suo territorio.

E siccome di dolci siete tutti golosi vi consigliamo di non perdere la diretta nel nostro sito allfoodsicily.it o nella pagina  Facebook All Food Sicily dove tra l’altro potete postare i vostri commenti e specialmente le vostre domande a cui saremo ben lieti di rispondere.

Appuntamento quindi martedì 19 alle ore 19, ma se sarete indifferibilmente impegnati e non potete apprezzare l’emozione della diretta, niente paura, potete sempre vederla quando vi fa più comodo ai suddetti indirizzi.