Oggi il marketing rappresenta una carta strategica nel settore economico, soprattutto per l’aspetto delle vendite. È proprio da questo importante aspetto, che in qualche modo dà una notevole spinta anche al turismo, che la Sicilia cerca di ripartire.

Il dipartimento regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo in riferimento al “Programma triennale di Sviluppo Turistico 2020/2022” ha difatti espresso la volontà di avviare una campagna di comunicazione per sostenere e promuovere sotto l’ottica turistica la fruizione di elementi culturali e naturali.

Economicamente parlando, il piano consiste nel promuovere l’offerta culturale, e soprattutto turistica, con il rafforzamento del brand personale andando oltre quello che è il semplice territorio. Ci si focalizzerà infatti su ciò che viene trasmesso al turista una volta calcate le terre da visitare.

La realizzazione della campagna di promozione e pubblicità sarà rigorosamente curata e gestita dalle emittenti televisive che, attraverso spot di 30 secondi, presenteranno in mondovisione natura, arte e gastronomia del territorio siciliano, occupando maggiormente fasce orarie in cui i feedback di ascolto e visione saranno più elevati. La comunicazione non passerà esclusivamente dal mezzo televisivo, ma saranno anche i manifesti affissi per le stazioni ferroviarie a informare i viaggiatori.

Naturalmente, come ogni azione strategica, la manovra richiederà un elevato impegno finanziario, che nel suddetto caso ammonta a circa 1.372.500 euro. Somma significativa per molti imprenditori che credono in questo progetto al fine di far riscoprire località siciliane mai considerate prima d’ora.