Un altro importante riconoscimento per Val Paradiso, azienda olearia della famiglia Carlino che possiede un’imponente struttura tecnologicamente avanzata con annessa accademia a Naro in provincia di Agrigento. In questi giorni Val Paradiso ha avuto grande risalto nella rivista culinaria “Gastronauta”, rinomato magazine del settore food a livello nazionale che per questa volta ha messo gli occhi sui prodotti d’eccellenza dell’azienda siciliana.

Val Paradiso è protagonista, infatti, de “La vetrina del Gastronauta” in cui si parla della storia dell’azienda, del suo frantoio all’avanguardia, dell’olio della Valle dei Templi e infine dell’Accademia Val Paradiso.

Un ulteriore conferma del lavoro svolto in questi anni che ha puntato non solamente a garantire un prodotto sano, salubre e di assoluto valore organolettico, riconosciuto e apprezzato dai consumatori, ma che ha tenuto conto anche della capacità di comunicare e far conoscere al grande pubblico la qualità di un prodotto rispettoso della natura e dell’ambiente.

L’attenzione e la valorizzazione attraverso “La vetrina del Gastronauta” avvalora la bontà del progetto qualità e della strategia aziendale della famiglia Carlino, attenta da sempre alla cura del dettaglio e del particolare in tutte le fasi della produzione e della filiera, dalla produzione delle olive, alla molitura, alla decantazione delle olive e all’imbottigliamento.

Difatti il progetto del Gastronauta garantisce visibilità e rilievo solamente ai prodotti d’eccellenza, dopo aver compiuto un certosino lavoro di ricerca e un intenso girovagare con l’obiettivo d’identificare un’attenta selezione di prodotti artigianali rigorosamente made in Italy. Un’attività di servizio fornito sia agli operatori di settore a cui viene assicurata un’accurata selezione di prodotti ad alto valore artigianale e sia al consumatore stesso alla ricerca di prodotti di nicchia dall’assoluta qualità garantita dalla provenienza dei prodotti, dalle materie prime, dal metodo di lavorazione e di trasformazione.

Clicca per leggere l’articolo su “La vetrina del Gastronauta” dedicato a Val Paradiso